Whitney Houston: il tour mondiale in ologramma

Whitney Houston, dopo la prematura scomparsa nel febbraio 2012, tornerà ad incantare con la sua meravigliosa voce e le canzoni più belle del suo sconfinato repertorio. A girare il mondo sarà l’ologramma dell’indimenticabile diva del pop, una trovata tecnologica della società Base Hologram che ha già riportato virtualmente in vita artisti del calibro di Maria Callas, Amy Winehouse e Roy Orbison.

Le date del tour e il primo ologramma di Whitney Houston

Lo show, prodotto in collaborazione con la Whitney E. Houston Estate, si intitola Evening with Whitney: The Whitney Houston Hologram World Tour e partirà dal Messico tra il 23 gennaio e il 9 febbraio 2020. Il tour sarà mondiale e prevede numerose tappe in America del Nord e in Europa (link), con date previste a Londra e in molte città del Regno Unito, ma anche a Zurigo, Vienna, Berlino e Bruxelles.

La Base Hologram ha rilasciato già il primo rendering dell’ologramma della cantante in cui la si vede sorridente con un microfono in mano, camicetta bianca, giacca scintillante, jeans strappati sulle ginocchia e tacchi alti: un immagine solare che ricorda i fasti della sua grande carriera.

ologramma Whitney Houston: tour

Evening with Whitney: The Whitney Houston Hologram World Tour – Lo Show

«Whitney Houston era un talento al di là delle parole e la sua influenza e abilità artistica hanno superato tutti i confini» – ha dichiarato Brian Backer, CEO e presidente di BASE Hologram e BASE Entertainment. Morta il giorno prima alla cerimonia dei Grammy Awards, lo spettacolo riporterà la cantante di I Will Always Love you sul palcoscenico e cercherà di trasmettere il carisma e le emozioni che era in grado di suscitare con il suo canto, come spiega ancora Backer: «Quello che stiamo creando qui è un nuovo tipo di esperienza di concerto teatrale. Quando Whitney si esibiva c’era un livello ineguagliabile di carisma ed emozione, ed è questo che porteremo al pubblico. È un onore poter contribuire ad accrescere la sua eredità con questo progetto».

Pat Houston, ex manager della cantante e presidente di The Estate of Whitney E. Houston, sul progetto ha altresì dichiarato: «Uno spettacolo di ologrammi è incentrato sull’immaginazione e sulla creazione del ‘fattore wow’ che si estende a un’incredibile esperienza di cui godere per anni a venire». E poi: «Whitney non è con noi, ma la sua musica vivrà per sempre. Sappiamo che abbiamo preso la decisione giusta collaborando con BASE perché capiscono quanto sia importante produrre un ologramma fenomenale».

Nello show si ascolteranno le canzoni più belle di Whitney Houston con arrangiamenti rimasterizzati in digitale e non ci sarà solo l’ologramma. Il progetto prevede, infatti, anche la partecipazione di una band e di un corpo di ballo. La produzione dell’evento sarà diretta dalla coreografa Fatima Robinson, nota e apprezzata per aver diretto importanti manifestazioni musicali e i video di star del momento come Rihanna.

Intanto il brano Higher Love, cover del singolo di successo di Steve Winwood del 1986 cantato da “The Voice”, è stato remixato dal producer novvegese Kygo ed è entrato in classifica nella nostra OA PLUS INTERNATIONAL CHART.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Articolo precedenteMusica, Nuove Uscite. The Niro: l’italiano che fa rivivere il mito di Jeff Buckley con un songbook-omaggio in collaborazione con Gary Lucas
Articolo successivoMusica Italiana, Recensioni. “La terra sotto i piedi”, Daniele Silvestri festeggia le nozze d’argento della carriera con un disco monumentale
Avatar
Classe 1987, scrivo di musica e spettacolo dal 2010. Ho collaborato e sono stato tra gli autori della prima ora di All Music Italia. Ho scritto anche per Velvet Music, Biopianeta, Gossip e Tv ed il blog Digital Coach.; oltre ad aver pubblicato articoli sul Corriere Del Mezzogiorno e ViviRoma Magazine. Attualmente sono redattore musicale per OA Plus con cui ho iniziato il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. La scrittura, la musica e il cibo sono le mie più grandi passioni. Ascolto soprattutto musica italiana, ma negli ultimi tempi mi sono sempre più avvicinato anche a quella internazionale, prediligendo il pop made in Europe. Ho un passione congenita per gli artisti emergenti, gli "ex talent" e i cantanti "poco noti". Dunque, nel mio piccolo, cerco di sostenere queste categorie. Ho conseguito la Laurea Triennale in "Arte e Scienze Dello Spettacolo" con una testi sul Festival di Sanremo, e poi quella Magistrale in "Professioni dell'Editoria e del Giornalismo" con una Tesi sulla Comunicazione Musicale. Nel 2018 mi sono specializzato in Digital Marketing, in modo particolare in Content Marketing, presso la Digital Coach di Milano, superando l'esame finale e ottenendo la certificazione con un voto di 100/100. Un sogno riposto nel cassetto? Beh, poter scrivere in musica! In un passato, ormai abbastanza lontano, ho scritto qualche testo per canzone e mi piacerebbe poter ricominciare, facendo di questo un'ulteriore sfumatura della mia scrittura, del mio lavoro e del mio percorso. Non m dispiacerebbe nemmeno fare qualche nuova esperienza in radio e tv. Tv, di cui dimenticavo, sono praticamente "addicted" fin da bambino. Chiudo citando una frase tratta da una bellissima canzone di Dolcenera, che negli anni è diventata un po' la risposta a tutte le mie domande, esistenziali e non: "È tutta colpa di cose ovvie".