classifica radio italiani
Grafica a cura di Juary Santini

Classifica radio italiani. Scopriamo insieme i singoli ufficiali in italiano più trasmessi in radio nella trentunesima settimana del 2020, dal 24 al 30 luglio, secondo le affidabili rilevazioni EarOne.

Classifica radio italiani: la Top 10 della trentunesima settimana del 2020

Il podio si rinnova per un terzo con l’entrata alla #3 di “Ciclone”, pezzo sempre più trasmesso in radio che vede insieme Takagi & Ketra, Elodie, Mariah, Gipsy Kings e Nicolas Reyes & Tonino Baliardo. In vetta resta ancora una volta “Karaoke” di Boomdabash & Alessandra Amoroso, che si attesta sempre più come il tormentone dei tormentoni di questa estate 2020. Medaglia d’argento per Achille Lauro e la sua “Bam bam twist”, stabile alla #2.

Nessuna new entry in Top 10, dove però assistiamo alla crescita di “Bimbi per strada (Children)”, che passa dalla #7 alla #5; “Dorado”, che sale alla #7 dalla #9; e “Liberi” che dal fondo guadagna due posizioni, salendo fino all’ottavo posto. In discesa, dopo un’ottimo esordio in radio, “Mediterranea” di Irama che troviamo questa settimana fuori dal podio alla #4.

La situazione oltre la Top 10

Nella settimana 31 del 2020 l’unica nuova entrata della classifica radio italiani è rappresentata dalla cover fatta da Jovanotti di “Caruso” di Lucio Dalla, che esordisce alla #14. Baby K feat. Chiara Ferragni salgono di tre gradini e si accontentando della quindicesima posizione. Chiude alla #20 l’ultimo singolo di Diodato dal titolo “Un’altra estate”.

  1. KARAOKE – Boomdabash & Alessandra Amoroso (=)
  2. BAM BAM TWIST – Achille Lauro feat. Gow Tribe (=)
  3. CICLONE – Takagi & Ketra & Elodie feat. Mariah, Gipsy Kings, Nicolas Reyes & Tonino Baliardo (+3)
  4. MEDITERRANEA – Irama (-1)
  5. BIMBI PER STRADA (CHILDREN) – Fedez & Robert Miles (+5)
  6. IL SUDORE CI APPICCICA – Francesco Gabbani (-1)
  7. DORADO – Mahmood, Sfera Ebbasta & Feid (+2)
  8. LIBERI – Danti feat. Raf e Fabio Rovazzi (+2)
  9. BALLA PER ME – Tiziano Ferro & Jovanotti (-5)
  10. GUARANÀ – Elodie (-2)


Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Articolo precedenteGianluca Grignani torna agli anni ’90 in “Non dirò il tuo nome”
Articolo successivo“Sopravvivere agli amanti”, ottima la prima per i John Qualcosa
Avatar
Classe 1987, scrivo di musica e spettacolo dal 2010. Ho collaborato e sono stato tra gli autori della prima ora di All Music Italia. Ho scritto anche per Velvet Music, Biopianeta, Gossip e Tv ed il blog Digital Coach.; oltre ad aver pubblicato articoli sul Corriere Del Mezzogiorno e ViviRoma Magazine. Attualmente sono redattore musicale per OA Plus con cui ho iniziato il percorso per diventare Giornalista Pubblicista. La scrittura, la musica e il cibo sono le mie più grandi passioni. Ascolto soprattutto musica italiana, ma negli ultimi tempi mi sono sempre più avvicinato anche a quella internazionale, prediligendo il pop made in Europe. Ho un passione congenita per gli artisti emergenti, gli "ex talent" e i cantanti "poco noti". Dunque, nel mio piccolo, cerco di sostenere queste categorie. Ho conseguito la Laurea Triennale in "Arte e Scienze Dello Spettacolo" con una testi sul Festival di Sanremo, e poi quella Magistrale in "Professioni dell'Editoria e del Giornalismo" con una Tesi sulla Comunicazione Musicale. Nel 2018 mi sono specializzato in Digital Marketing, in modo particolare in Content Marketing, presso la Digital Coach di Milano, superando l'esame finale e ottenendo la certificazione con un voto di 100/100. Un sogno riposto nel cassetto? Beh, poter scrivere in musica! In un passato, ormai abbastanza lontano, ho scritto qualche testo per canzone e mi piacerebbe poter ricominciare, facendo di questo un'ulteriore sfumatura della mia scrittura, del mio lavoro e del mio percorso. Non m dispiacerebbe nemmeno fare qualche nuova esperienza in radio e tv. Tv, di cui dimenticavo, sono praticamente "addicted" fin da bambino. Chiudo citando una frase tratta da una bellissima canzone di Dolcenera, che negli anni è diventata un po' la risposta a tutte le mie domande, esistenziali e non: "È tutta colpa di cose ovvie".