Da un progetto creato da nonna Wilma nel 1957 e tramandato prima alle figlie e poi alla nipote Giulia

Genuinità dei prodotti e cucina casalinga, questo è il filone seguito da ‘Generazione Wilma‘, una Trattoria di Castel San Pietro Terme (BO) a conduzione familiare, immersa in una tradizione che si tramanda dal 1957. Quando la cucina non è solo un lavoro, ma è una vera passione, ecco che scendono in campo i cibi preparati con amore che tanto stimolano i palati dei commensali. Una cucina tradizionale, arricchita da innovazioni e nuove proposte gastronomiche, ha stuzzicato ed incuriosito anche l’Accademia Italiana della Cucina, delegazione di Castel San Pietro – Medicina, che ha scelto questa location per la conviviale del 2 marzo.

Ad aprire la cena un antipasto a base di pizza integrale, con squaquerone, mozzarella, mortadella I.G.P. e granella di pistacchio, la pizza che ‘la casa’ ha voluto chiamare Biancaneve, perché proprio da una favola nasce, cresce e si ingrandisce ‘Generazione Wilma‘. Un’altra pizza a base di pomodoro, bufala, basilico e olio di oliva e a seguire un’ottima crescentina col prosciutto crudo. Due primi assolutamente bolognesi, i Balanzoni, piatto tipico del Carnevale, il cui nome deriva dalla maschera petroniana Dottor Balanzone. Abbastanza simili di fattezze ai tortellini, è il ripieno con ricotta, spinaci e mortadella a fare la differenza. La sfoglia, è impreziosita dagli spinaci, che le donano il colore verde. ‘Generazione Wilma’ ha voluto sapientemente impreziosirli con Sangiovese caramellato e cialda di parmigiano, una sorpresa veramente gustosa e raffinata.

Per realizzare la pasta fatta in casa, serve una sfoglia perfetta sia nella consistenza che nello spessore, tanto amore e un po’ di fatica, ma è questo che fa la differenza e questo quid in più, è proprio ciò che cerca e premia l’Accademia Italiana della Cucina quando si affida a determinati ristoranti. La scelta è sempre molto accurata, volta a valorizzare i piatti tipici della tradizione eseguiti con prodotti delle nostre terre. C’è da tenere presente che ogni formato di pasta realizzato con la sfoglia, necessita di uno spessore differente e particolare attenzione: più sottile per le paste ripiene, tipo ravioli e tortellini; più spesso per tagliatelle, tagliolini o fettuccine. E a proposito di tagliatelle, l’altro primo che ha voluto presentare ‘Generazione Wilma’ con orgoglio, sono proprio le tagliatelle col ragù. La ricetta del ragù alla bolognese è stata depositata alla Camera di Commercio di Bologna, proprio dall’Accademia Italiana della Cucina e proprio da quella ricetta si attinge per fare il vero ragù alla bolognese.

Non sono da meno i secondi piatti, Il filetto di maiale con pancetta arrotolata e ristretto al balsamico accompagnato da salvia fritta e lo spezzatino di castrato accompagnato da friggione. Saper fare far bene la spesa, usando prodotti di stagione è fondamentale per preparare ricette gustose e sane. E questo fa da sempre ‘Generazione Wilma’, che ha servito un maialino tenerissimo, il cui gusto è esaltato da foglie di salvia fritte nell’olio, avvolte da una pastella croccante, dal profumo molto invitante. E stupisce ancora con un saporitissimo spezzatino di castrato, davvero delizioso, accompagnato dal tipico friggione bolognese. Anche del friggione, la ricetta è stata depositata presso la Camera di Commercio di Bologna, dall’Accademia italiana della cucina, nel 2004. Il friggione bolognese è un saporito contorno che si prepara in lentissima cottura con cipolle bianche, pomodori pelati, strutto, sale e zucchero.

In chiusura la Torta “Miemarè”, un dolce di pere e mandorle con crema inglese all’aroma di vaniglia. In abbinamento alla serata, sono stati serviti Pignoletto frizzante Bio della Cantina Zuffa e Sangiovese Superiore Franco della Cantina Dal Fiume. ‘Generazione Wilma’ ha dimostrato di saper sperimentare e osare e alla fine, riportare la sua cucina alla più semplice e geniale fra le intuizioni, esperienza che si tramanda da generazioni.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Foto: foto Laura Ambrosi e Stefano Zanetti


Ricetta uova in purgatorio, un piatto facile, gustoso e veloce, alla portata di tutti

Dieci cibi per dimagrire a calorie negative, ecco quali sono