Sono quasi 6,6 milioni gli alunni italiani che oggi torneranno sui banchi di scuola da Nord a Sud del Paese dopo le chiusure imposte dal governo a causa dell’emergenza Covid. Lo ha stabilito il nuovo decreto legge che consente il rientro a scuola anche nelle zone rosse ai bambini della scuola dell’infanzia, agli alunni delle elementari e a quelli del primo anno di secondaria di I grado, ma la decisione è dovuta anche al miglioramento dei dati sui contagi, che ha consentito a quasi tutte le regioni di rientrare o confermarsi in zona arancione.

Dunque saranno un milione in più della scorsa settimana gli studenti che da oggi lunedì 12 aprile potranno di nuovo frequentare le lezioni in presenza, pari a 8 studenti su dieci considerati gli 8,5 milioni totali fra scuole statali e paritarie. Rientrano in aula tutti i bambini della scuola dell’infanzia e primaria, mentre siederanno di nuovo sui banchi l’87% degli alunni della scuola media e solo il 38% dei ragazzi delle superiori, che alterneranno presenza e didattica a distanza al 50% e al 75% nelle regioni in cui è consentito.

L’unica regione a fare eccezione è la Sardegna, dove 63mila alunni di seconda e terza media e delle scuole superiori si collegheranno da casa. In tutto il Paese saranno quasi due milioni gli studenti ancora a casa in Dad.

 

Segui OA PLUS su INSTAGRAM

Metti “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Iscriviti al GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: LaPresse

TAG:
dad emergenza Covid Scuola

ultimo aggiornamento: 12-04-2021


Myanmar: 700 vittime nelle proteste per il golpe mitilare

Tragedia nel Torinese, uomo uccide moglie, figlio e padroni di casa