A Torino, Stefano, lo conoscevano tutti come l’uomo delle barzellette. Girava per la città con un cartello arancione appeso al collo sul quale c’era scritto «Vendesi barzellette x 5 euro a pacchetto», strappando un sorriso a passanti, studenti e clienti dei locali. Sempre con garbo ed estrema educazione, finendo di fatto adottato da tante persone che si fermavano volentieri a scambiare quattro parole con lui.

E oggi nel capoluogo piemontese sono in tanti a piangerlo e a ricordarlo con affetto. Stefano, 52 anni e una vita rocambolesca alle spalle, si è infatti spento questa mattina. L’inizio con la break dance, ma anche il dramma della tossicodipendenza, fino all’episodio che gli ha cambiato la vita: rimasto senza soldi durante una vacanza, ha cominciato a raccontare barzellette in cambio di soldi, ottenendo così tanto successo da riuscire a completare la sua vacanza, pagarsi il ritorno e risparmiare qualcosa. Da quel momento per Stefano, che aveva svolto qualsiasi lavoro ma che sognava lavorare nello spettacolo, il raccontare le barzellette è diventata una professione: non solo per le strade di Torino, ma anche per le città del nord.

Poi la morte della madre e la crisi economica che ha cominciato a picchiare duro, al punto che per Stefano si sono aperte le porte del dormitorio. Fino all’ultimo ha passato le sue giornate in giro per Torino a raccontare barzellette, rendendo meno cupi ai suoi concittadini anche questi giorni di pandemia. Su cui ovviamente, a modo suo sdrammatizzava: «Oh ci siamo presi il virus cinese. E meno male, pensa se ci beccavamo l’originale».

Qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: web

TAG:
attualità Torino

ultimo aggiornamento: 28-01-2021


Omicidio Giulia Ballestri, la Cassazione ha confermato l’ergastolo per Matteo Cagnoni

Stati Uniti, Pete Buttigieg nominato Segretario dei Trasporti: è il primo ministro dichiaratamente gay