Sono iniziate in tutto il mondo le celebrazioni dell’Eid al-Fitr, la festività di tre giorni che conclude il Ramadan, mese di preghiere e digiuno. In tutto il mondo, condizioni sanitarie permettendo, i fedeli si sono riuniti per preghiere e celebrazioni, ma forse le immagini più evocative vengono dalla basilica di Santa Sofia, tornata moschea dopo 87 anni dalla sconsacrazione.

Quando fu inaugurata, la basilica di Santa Sofia a Costantinopoli era il tempio cristiano più grande del mondo. L’opera era fortemente voluta da Giustiniano, che così facendo voleva tracciare una linea tra gli antichi fasti romani e il suo impero bizantino. Quando Costantinopoli fu presa dai turchi nel 1453, gli invasori non resistettero alla bellezza sublime dell’edificio, convertendolo a moschea. Il I° febbraio 1935 divenne un museo, e solo a luglio scorso, per decreto presidenziale, è stata nuovamente consacrata al culto islamico.

Una festività che in questo momento storico non può esimersi dai giudizi sulla politica: centinaia di fedeli si sono riuniti nella piazza antistante, nella zona storica di Sultanahmet, e alcuni dentro la basilica stessa, dove la preghiera è stata guidata dal capo della Presidenza per gli affari religiosi, Ali Erbas, massima autorità sunnita in Turchia. Molti manifestanti hanno intonato cori contro Israele.

Anche e soprattutto nella stessa Gerusalemme, la festività è stata motivo di forti disordini, Circa 100.000 infatti sono i fedeli scesi in strada a protestare contro l’interventismo militare di Israele a Gaza, alcuni inneggiando le Brigate al-Qassam, l’ala militare di Hamas, con le bandiere sventolate, mentre in Afghanistan hanno dichiarato il cessate il fuoco per i prossimi tre giorni.

In tutto il mondo i festeggiamenti  hanno dovuto subire le restrizioni dovute al Covid-19: a Giacarta, in Indonesia, così come a Kuala Lumpur, in Malesia, e pure a Manila, nelle Filippine, dove le immagini mostrano una folla di fedeli distanziati in un campo da basket, Ad Addis Abeba invece, capitale dell’Etiopia, i video mostrano i fedeli musulmani pregare in uno stadio di calcio.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

foto: lapresse.it


Philipp Tanzer, dal porno gay alla politica con l’estrema destra scozzese

Muore in un incidente, aveva una doppia vita: l’assicurazione risarcisce sia la moglie che l’amante