L’arco di Darwin, la famosa formazione rocciosa che sorgeva al largo delle isole Galapagos è crollato. Secondo il ministero dell’Ambiente equadoregno, che governa anche l’arcipelago situato nel Pacifico, si sarebbe trattato dell’effetto dell’erosione naturale.

L’arco prende il nome da Charles Darwin, che viaggiando ed esplorando l’arcipelago, e osservandone la fauna, intuì il principio della selezione naturale. La particolare conformazione delle isole, che per le eruzioni vulcaniche sono in continuo mutamento, hanno costretto la fauna a specializzarsi e a mutare molto più velocemente che in altri habitat meno chiusi.

Ora quest’ambiente è a rischio. Sono numerose le specie già scomparse, e decine quelle a rischio di estinzione. Leonardo di Caprio, da anni interessato ai cambiamenti climatici e alla crisi ambientale, tramite la sua organizzazione re:wild ha donato 43 milioni di dollari per preservare la flora e la fauna delle isole, ristabilendo per esse una condizione il meno possibile stravolta dall’uomo.

I fondi, riporta il Guardian, contribuiranno a concretizzare un intervento di rewilding dell’isola Floreana, che ospita 54 specie a rischio, reintroducendo anche 13 specie estinte localmente, come il tordo beffeggiatore Floreana, il primo tordo beffeggiatore descritto da Charles Darwin.

I fondi verranno usati inoltre per finanziare un programma di riproduzione in cattività e altre attività per prevenire l’estinzione dell’iguana rosa e rafforzare le misure per proteggere le acque delle Galapagos dall’impatto umano dell’ecoturismo.
Segui OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Foto: LaPresse

TAG:
darwin ecuador galapagos

ultimo aggiornamento: 20-05-2021


Cina. Grattacielo trema improvvisamente, ma non è terremoto. Panico a Shenzhen VIDEO

Israele, approvato il “cessate il fuoco” a Gaza