Quello alle porte sarà il primo weekend dell’Italia in giallo, e già si preannuncia un weekend blindato. Le grandi città stanno varando piani di sicurezza per evitare assembramenti e scene di resse come quelle che hanno invaso social network e quotidiani appena una settimana fa, alla vigilia della fine delle zone rosse ed arancioni.

Nei capoluoghi, da Roma a Milano o Firenze, i controlli saranno intensificati principalmente nei luoghi della movida o nei centri storici. Nella Capitale sono stati predisposti corridoi con delimitazioni a Piazza del Popolo per rendere più fluido il transito delle persone ed evitare stazionamenti, controlli al Pincio anche con pattuglie a cavallo di polizia e carabinieri. L’accesso all’area del Tridente, zona “critica” per assembramenti e resse,  sarà contingentata, con la possibilità di procedere a chiusure delle stazioni metro Spagna e Flaminio in caso di necessità. Via del Corso, la strada dello shopping, sarà invece divisa in settori. Il dispositivo di sicurezza, predisposto oggi in seguito alla riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza, riprende quello attuato a dicembre, in occasione dello shopping natalizio, ma con maggiore attenzione alle aree in cui si sono registrati affollamenti lo scorso fine weekend. I controlli non si limiteranno solo al centro storico, ma verranno estesi anche a tutte le zone della movida capitolina: da Trastevere all’Eur, da San Lorenzo a Ponte Milvio, dal Pigneto alla zona universitaria di piazza Bologna. Nel mirino anche il lungomare di Ostia.

A Milano sarà particolarmente sorvegliata la zona dei Navigli. Sotto la lente delle forze dell’ordine saranno anche le zone di corso Como e corso Garibaldi in particolare per verificare il rispetto dell’orario di chiusura dei locali, la presenza dei clienti in rapporto alla capienza, l’uso corretto di mascherine e il rispetto del distanziamento. A Firenze, invece, il sindaco Dario Nardella ha firmato l’ordinanza che impone il divieto di stazionamento nelle aree a maggior rischio affollamento. L’area interessata dal provvedimento, concordato con la prefettura, è compresa nel perimetro delimitato da piazza Beccaria (esclusa), Borgo La Croce, piazza Sant’Ambrogio, via Pietrapiana, via Giuseppe Verdi, via dell’Agnolo, viale della Giovine Italia (escluso). Sono previste multe salate per i trasgressori, che rischiano sanzioni che vanno dai 400 ai 1.000 euro.

 

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: LaPresse

 

 


Cogne, Annamaria Franzoni di nuovo in tribunale: “La villetta oggetto di macabro turismo”

Il virologo Galli a Radio Capital: “Ilaria Capua potrebbe prendere il posto di Speranza, ma non è adatta a quel ruolo”