Biden chiede pazienza, ma parla di un risultato positivo. Trump ipotizza la propria vittoria. Regna l’incertezza in queste elezioni USA 2020

Testa a testa

Nelle ultime ore di “countdown elettorale” era apparso evidente: tra Trump e Biden sarebbe stato un testa a testa. I Democratici non hanno sfondato, al contrario di quanto previsto dai “sondaggisti”. Il risultato finale, in questo stato di equilibrio, potrebbe non arrivare nelle prossime ore. Decisivi, infatti, saranno i voti inviati “via posta”. Intanto i due candidati prendono la parola e si dichiarano fiduciosi di un risultato, finale, vincente.

Affluenza record

Un’affluenza record del 67%, mai così alta in cent’anni. La sfida è ancora aperta, ma Trump sembra avere buona possibilità di ricostruire quel “red wall” che lo condusse alla vittoria quattro anni fa. Michigan, Wisconsin e Pennsylvania, cruciali per determinare chi sarà il prossimo Presidente (sui quali punta Biden), fanno sapere che non saranno in grado di annunciare i risultati, entro fine giornata, a causa delle schede arrivate per posta. A inizio scrutinio e con settimane di sondaggi che davano Joe Biden vincitore, sembrava fosse giunta “l’onda blu”. Presunzione rafforzata dall’alto tasso di voti alle urne, la più alta da oltre un secolo negli Stati Uniti. Quanto appena affermato è dovuto, con ogni probabilità, al ricorso all’early voting, cioè al voto anticipato (scelto da 101 milioni di americani, di cui oltre 65 milioni per posta). Un dato che tradizionalmente gioca a favore dei democratici. Ma le rilevazioni hanno fallito anche questa volta, proprio come successe quattro anni fa con Hillary Clinton. Il vantaggio iniziale del candidato democratico, infatti, si schiantò contro la rimonta di Donald Trump che si accaparrò l’Ohio, uno degli Stati chiave e che, dalla guerra civile, ha azzeccato 33 su 37 Presidenti americani.

Magic number

Michigan, Wisconsin e Pennsylvania non saranno in grado di comunicare il vincitore quest’oggi. Pittsburg ha annunciato che l’esito arriverà fra tre giorni. La conquista di due di questi tre stati, però, potrebbe assicurare a Biden la vittoria. Insieme a North Carolina, infatti, assegnano (in totale) 61 grandi elettori e in tutti e quattro, secondo le proiezioni dei principali media, Donald Trump è attualmente in vantaggio. Il risultato, però, potrebbe essere ribaltato proprio dai voti per posta, che solitamente favoriscono il campo democratico. In gioco ci sono anche i 9 elettori (in tutto) di Maine e Nebraska, che a differenza di tutti gli altri Stati assegnano i voti elettorali su base proporzionale. La partita per arrivare al “magic number” dei 270 elettori però è ancora aperta, mentre nel nuovo Congresso si delinea una Camera dove i democratici continueranno a mantenere il controllo.

Dichiarazioni

Joe Biden interviene, a quasi cinque ore dalla chiusura dei seggi, nella East Coast ed è fiducioso: “Siamo sulla strada giusta per vincere queste elezioni” ha detto dichiarandosi “ottimista sul risultato”. L’ex vice di Obama ricorda che “bisogna essere pazienti”, facendo riferimento agli scrutini del voto per posta.

Trump fa sapere, dalla East Room della Casa Bianca, di essere pronto a festeggiare rivendicando, di conseguenza, la vittoria. Ha poi parlato di “risultati eccezionali, un successo incredibile” minacciando di fare ricorso alla Corte Suprema se il conteggio dei voti, soprattutto quelli per posta, bloccasse la nomina del vincitore.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: Shutterstock.com

 

TAG:
Biden 2020 Elezioni USA Elezioni USA 2020 Trump 2020

ultimo aggiornamento: 04-11-2020


Conte ha firmato nella notte il nuovo Dpcm: ecco tutte le misure anti Covid previste

Il Collegio 5. Entra un nuovo alunno, Simone Bettin. E’ subito bacio con Luna Scognamiglio