La Corte di assise di Ravenna ha condannato all’ergastolo per l’omicidio di Ilenia Fabbri l’ex marito Claudio Nanni e Pierluigi Barbieri, ritenuti dalla Procura rispettivamente il mandante e l’esecutore dell’orribile delitto commesso a Faenza, in provincia di Ravenna, il 6 febbraio 2021. La 46enne fu trovata all’alba dalla figlia adolescente Arianna, morta sgozzata in una pozza di sangue nel suo appartamento in via Corbara. A pianificare e organizzare l’atroce delitto fu l’ex marito della donna, a quanto pare per problemi di tipo economico legati ad un contenzioso civilistico tra i coniugi, culminato con l’assegnazione della casa di via Corbara alla donna. Ilenia aveva anche promosso una causa di lavoro contro l’ex marito per mancati compensi per 100mila euro legati alla sua collaborazione nell’impresa di famiglia. Esecutore materiale del delitto, invece, fu Pierluigi Barbieri, originario di Ravenna, assoldato da Nanni per uccidere la ex moglie in cambio di 20mila euro e di un’auto nuova.

La Corte presieduta dal giudice Michele Leoni ha anche disposto l’interdizione perpetua dai pubblici uffici e interdizione legale per entrambi, oltre all’affissione della sentenza nel Comune di Faenza. Gli imputati sono anche condannati in solido a risarcire un danno da due milioni di euro ad Arianna, la figlia di Nanni e di Ilenia Fabbri, costituita parte civile.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

 

 

 

 

 

 


LA FABBRICA DEI SOGNI di Chiara Sani. Anche le distribuzioni cinematografiche si schierano al fianco dell’Ucraina

La tragedia di Verona: esplode fabbrica di vernici, operaio muore bruciato vivo