Tragedia familiare nel Bresciano, dove una coppia di giovani genitori ha perso la vita precipitando in un dirupo nel corso di una passeggiata in montagna davanti alla figlia di soli 5 anni. Il dramma è accaduto domenica scorsa tra il Monte Vareno e lo Scanapà, nei pressi del Passo della Presolana nel Comune di Angolo Terme, in provincia di Brescia. Valeria Coletta, 35 anni, e il marito Fabrizio Martino Marchi, 40 anni, entrambi residenti a Milano, si trovavano lì con la figlia di 5 anni e una coppia di amici per una passeggiata tra i sentieri di montagna.

Stando alle testimonianze degli amici, tutto si è svolto nella frazione di pochi secondi: la donna è scivolata su una lastra di ghiaccio ed è precipitata in un dirupo; il marito, nel tentativo di salvarla, è caduto anche lui per oltre 200 metri. Entrambi sono morti sul colpo davanti gli occhi della figlioletta e degli amici, che hanno immediatamente lanciato l’allarme. Immediato l’intervento degli uomini dei vigili del fuoco e del soccorso alpino, che sono riusciti a recuperare i corpi ormai senza vita dei due coniugi dopo diverse ore. Quando i due coniugi sono precipitati nel vuoto, il gruppo stava affrontando un sentiero che, per un macabro scherzo del destino, conduce al cosiddetto “Salto degli sposi”, un belvedere chiamato così per via di una tragedia consumatasi nell’Ottocento quando una coppia di giovani sposi si tolse la vita lanciandosi nel vuoto.

I carabinieri stanno indagando per ricostruire la dinamica esatta dell’incidente al fine di capire se la tragedia poteva in qualche modo essere evitata. Le salme delle due vittime sono state restituite ai familiari, mentre la bambina è stata affidata ai nonni. La coppia e la bambina avevano pernottato in un ostello in Valseriana e sarebbero dovuti ritornare a Milano la domenica sera.

 

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: Facebook

 


Okinawa, ecco il segreto dell’isola della longevità

Uno Bianca, Fabio Savi scrive a Eva Mikula: “Ti piacevano i bei vestiti e i maledetti soldi che portavo a casa, ma ora mi infanghi”. Lei: “Ho paura come 26 anni fa”