Complice anche il marito per il quale però al momento non sono scattate misure cautelari

Omicidio volontario premeditato pluriaggravato dalla minorata difesa della vittima, questa l’accusa mossa nei confronti di Arianna Orazi ed Enea Simonetti, rispettivamente figlia e nipote della vittima Rosina Carsetti.

I due sono stati arrestati all’alba ed ora dovranno rispondere dell’omicidio della 78enne, morta per strangolamento la sera della Vigilia di Natale a Montecassiano (Macerata).

Per la figlia Arianna Orazi c’è anche l’accusa di maltrattamenti e di aver coordinato l’azione dei complici, tra cui, secondo la Procura, anche il marito 79enne Enrico Orazi, nei confronti del quale però, non state adottate misure cautelari.

Il marito di Rosina, la figlia ed il nipote, sono indagati anche per simulazione di reato, per aver tentato di far passare l’omicidio per una rapina finita male.

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: screenshot da video YouTube


Giallo di Faenza, c’è la svolta: indagato l’ex marito, perquisizioni in casa e nell’officina

Coronavirus, adesso alcune Regioni rischiano di tornare in “zona rossa”: ecco quali