E’ in programma oggi giovedì 18 febbraio la prima udienza del processo sul duplice omicidio di Daniele De Santis e di Eleonora Manta che vede come unico imputato Antonio De Marco. Il reo confesso del brutale assassinio della coppia, però, non sarà presente nell’aula bunker del carcere leccese di Borgo San Nicola. Il giovane studente di Scienze infermieristiche di Casarano ha infatti scelto, d’intesa con i suoi legali, di non essere presente in aula, almeno in questa prima fase del processo.

Il duplice omicidio dei due fidanzati risale allo scorso 21 settembre: De Santis, 33 anni, e Manta, 30 anni, sono stati uccisi con oltre 70 coltellate mentre si trovavano nel loro appartamento in via Montello, a Lecce. Le accuse rivolte a De Marco sono quelle di duplice omicidio volontario aggravato dalla premeditazione, dai futili motivi e dall’aver agito con crudeltà. Reati, questi, che escluderebbero la richiesta di processo con rito abbreviato, che invece i suoi legali hanno presentato ugualmente.

Nel corso della prima udienza dovrebbe essere ammessa la costituzione di parte civile da parte dei familiari dei due ragazzi uccisi, che avrebbero deciso di donare in beneficenza l’eventuale risarcimento. Nel corso del processo verrà poi rinnovata la richiesta di perizia psichiatrica già avanzata dai difensori di De Marco ma respinta in sede di incidente probatorio. Una consulenza di parte avrebbe già fatto emergere una “personalità disturbata” nel giovane, frutto di una serie di patologie.

 

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: Facebook


Classifica vaccini Europa e Mondo: quali nazioni sono più avanti. Il piazzamento dell’Italia

Badanti uccisi e sepolti per 7 anni in giardino, fermato il ristoratore Riccioli. Era fuggito durante gli scavi prima del ritrovamento dei resti umani