Tutto veniva ripreso da un circuito interno di telecamere

La coppia diabolica portava le ragazzine in un appartamento in provincia di Alessandria. Due le vittime accertate, una delle quali rimasta incinta e fatta poi abortire. All’interno dell’appartamento della coppia era presente un impianto di registrazione video con cui i due riprendevano gli abusi.

l’attività di indagine è partita dalla denuncia di una ragazza che l’uomo assieme alla sua compagna aveva attirato nel suo appartamento con una scusa, l’avevano fatta bere e poi avevano abusato sessualmente di lei. La Polizia ferroviaria di Novi Ligure coordinata dalla Procura di Alessandria, ha poi confermato che all’interno dell’appartamento era presente un impianto di registrazione video con cui la coppia trentenne era solita riprendere questi incontri piccanti che le ragazzine subivano sotto effetto dell’alcool.

Dramma nel dramma, In seguito alla violenza, una minorenne era rimasta incinta e fu costretta dalla compagna dell’uomo ad assumere una pillola abortiva. L’uomo è stato condotto in carcere mentre la donna è stata posta agli arresti domiciliari lo scorso 11 settembre dal personale della Squadra mobile della Questura di Alessandria.

Segui OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: LaPresse


Soffocato e poi gettato sotto il camion, per la morte di Bergamini ora c’è il rinvio a giudizio della fidanzata dopo 32 anni: “Fu omicidio per futili motivi, non suicidio”

Dl Green Pass, da oggi è ufficialmente in vigore: l’obbligo scatterà sui luoghi di lavoro dal 15 ottobre