Macron costretto a cedere, il Presidente parla alla Francia. Sarà più soft rispetto al precedente: scuole e attività essenziali aperte

Soft lockdown

Emmanuel Macron ha tentato, in tutti i modi, di evitarlo. Alla fine, però, le scelta sembra inevitabile. Il Presidente è pronto a cedere e questa sera, alle ore 20:00, potrebbe annunciare il ritorno di un lockdown (generale) in tutta la Francia. La scelta è volta, ovviamente, a frenare l’avanzata del Coronavirus. La notizia sta circolando, in queste ultime ore, su tutti i principali siti di informazione d’oltralpe, mentre i francesi già si preparano alla nuova stretta. Secondo quanto trapelato, il provvedimento sarà operativo da domani a mezzanotte e sarà meno rigido rispetto al precedente (scorsa primavera). “Bfm-Tv”, ad esempio, anticipa che le scuole dovrebbero rimanere aperte, così come altre attività giudicate essenziali.

Cambio di rotta

Eppure, fino a poche settimane fa, il governo non voleva neanche sentir nominare la parola “lockdown”. “Troppo pericolosa per l’economia nazionale”, si diceva. La nuova ondata di contagi, però, ha iniziato a creare una forte pressione sul sistema sanitario. Secondo Jerome Salomon, medico e funzionario, quest’ultima sarebbe addirittura più forte della prima:

“Il numero di malati aumenterà meccanicamente, qualsiasi cosa si faccia”

Secondo le ultime stime dell’Istituto Pasteur, pubblicate in anteprima da “Les Echos” il 6 novembre, il 98% dei 5.800 posti-letto (dei reparti di rianimazione) presenti in tutto il Paese, sarà occupato da pazienti positivi al Covid-19. Le autorità sono quindi impegnate in una corsa contro il tempo per evitare il tracollo degli Ospedali.

“Qualsiasi cosa succeda, non potremo applicare nuovamente un confinamento generalizzato in Francia”, diceva il 4 giugno il Presidente del Consiglio scientifico che collabora con l’Eliseo.

L’unico a mostrare prudenza è stato Macron che, già a inizio a luglio, diceva di essere pronto “a tutto” pur di frenare il virus in caso di una seconda ondata. A temere la nuova stretta sono soprattutto i settori della ristorazione, della cultura e dell’alberghiero, che insieme rappresentano circa il 9% del PIL francese. Ma in generale la misura suscita timori in tutto il paese. Al momento è difficile prevedere le reazioni della cittadinanza, anche se Parigi teme una risposta simile a quella che si sta verificando in Italia.

Segui OA Plus su Instagram

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti Foto: Shutterstock.com

 

 

TAG:
Francia Coronavirus Francia lockdown Macron Francia

ultimo aggiornamento: 28-10-2020


Coronavirus, bollettino di oggi 28 ottobre

“Elettra Lamborghini e la Dea del Ritmo” è la nuova graphic novel della BeccoGiallo