Le autorità indonesiane hanno costretto un gruppo di negazionisti che hanno infranto le leggi previste dal paese sull’obbligo di indossare le mascherine a scavare fosse per le vittime del Covid-19. La notizia è riportata dal The Jakarta Post.

E’ successo a Gresik, città della Giava orientale, in Indonesia. Le autorità provinciali hanno punito otto trasgressori costringendoli ai lavori forzati nel cimitero pubblico locale nella speranza di dissuadere la popolazione dall’ignorare il mandato nazionale di coprire il viso per proteggersi dal Coronavirus. Si spera che questo possa creare un effetto deterrente contro le violazioni”, ha spiegato il governatore Suyono ai media locali, aggiungendo che l’iniziativa rappresenta anche una buona occasione per potenziare l’organico del cimitero. “Ci sono solo tre becchini disponibili al momento, quindi ho pensato che avrei potuto anche mettere queste persone a lavorare con loro”, ha dichiarato secondo il giornale.

Secondo i dati della Johns Hopkins University, l’Indonesia registra più di 221.000 casi di Covid-19 e ha avuto almeno 8.800 morti.

 

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra PAGINA OA PLUS
Clicca qui per iscriverti al nostro GRUPPO OA PLUS

Crediti foto: LaPresse

TAG:
cimitero Coronavirus Giava Gresik Indonesia negazionisti Suyono

ultimo aggiornamento: 15-09-2020


Grande Fratello VIP 5: Gli highlights della prima puntata, tra novità e ingressi molto attesi

Positivi al coronavirus? Possiamo saperlo grazie ai biomarcatori della nostra voce