E’ partita la corsa al vaccino per il Coronavirus. L’attività di ricerca sta viaggiando a ritmi frenetici e in questo momento i candidati sono in totale 226, dei quali 34 sono già entrati nella fase di sperimentazione sull’uomo.

Ecco tutti i vaccini allo studio in questo momento nel mondo:

Oxford University, AstraZeneca: AZD 1222. Originariamente chiamato ChAdOx1 nCov-19, il vaccino ha ormai raggiunto la Fase 3 della sperimentazione, quella che testa l’efficacia su decine di migliaia di persone, con test randomizzati e controllati. Questo vaccino è costituito da un vettore virale innocuo (adenovirus dello scimpanzé) che è stato modificato con un innesto della proteina spike superficiale da coronavirus. Le prime due fasi hanno evidenziato un profilo di sicurezza accettabile e un aumento della risposta degli anticorpi. La società AstraZeneca prevede di produrne fino a 30 milioni di dosi disponibili nel Regno Unito già a settembre. A giugno, i ministri della salute di ItaliaFranciaGermania ed Olanda hanno firmato un contratto con AstraZeneca per l’approvvigionamento fino a 400 milioni di dosi da destinare alla popolazione europea.

Sinovac e Instituto Butantan: Coronavac. Realizzato grazie a una partnership tra Cina e Brasile, anche questo candidato ha raggiunto la Fase 3. Questo vaccino utilizza il virus inattivato, che induce il corpo umano a sviluppare anticorpi senza rischiare l’infezione. Sinovac ha completato le prime due fasi degli studi clinici sull’uomo e ha concluso che il vaccino è sicuro e genera anticorpi neutralizzanti. La società ha siglato un accordo con l’Instituto Butantan di Sao Paulo, in base al quale verrà attuata una sperimentazione di fase 3 su 9.000 persone in Brasile.

China National Biotec Group Co., Sinopharm. Due filiali del produttore di vaccini statale cinese Sinopharm, una a Pechino e l’altra a Wuhan, hanno sviluppato due candidati vaccini basati sul virus inattivato. Entrambi sono in fase 3: i test delle prime due fasi, condotti in Cina su circa 2mila partecipanti, hanno evidenziato, in base a quanto sostenuto dalla società produttrice, la sicurezza dei due candidati vaccini e la loro capacità di stimolare le risposte immunitarie. China National Biotec ha avviato la fase 3 in Arabia Saudita.

Moderna – Niaid: mRNA-1273. Negli Stati Uniti, il candidato vaccino mRNA-1273 di Moderna utilizza l’Rna messaggero per indurre il corpo a produrre una proteina chiave dal virus, creando in questo modo una risposta immunitaria. I test condotti nelle prime due fasi hanno evidenziato che il candidato ha indotto risposte immunitarie anti-coronavirus in tutti i partecipanti allo studio e non ha evidenziato problemi di sicurezza. Questi risultati supportano l’ulteriore sviluppo di questo vaccino. Il programma di sviluppo di questo vaccino è sostenuto da 955 milioni di dollari dal governo degli Stati Uniti nell’ambito dell’operazione Warp Speed. Attualmente in fase tre, alla fine di luglio è stata avviata una sperimentazione di 30mila pazienti in collaborazione con il National Institutes of Health negli Stati Uniti.


MSC, crociere scontate per gli operatori della sanità

Silvio Berlusconi ricoverato al San Raffaele in ossigenoterapia per un principio di polmonite