Ieri sera Maria Teresa Ruta è stata colta da una forte crisi isterica che ha pietrificato i telespettatori i quali, all’improvviso, durante la diretta, hanno assistito a delle urla incontrollabili della presentatrice. Una crisi dovuta, certamente, ai 120 giorni di reclusione nella casa e scoppiata per una litigata avuta con Cecilia Capriotti la sera prima e continuata poi con altri inquilini a cena.

In molti si sono chiesti se sia giusto che una persona arrivi a tanto per un gioco, soprattutto se si tratta di un personaggio già noto come Maria Teresa che per lavorare non ha bisogno di devastarsi psicologicamente in quella maniera.

Tra i tanti pareri che si sono scatenati dopo la crisi, ce n’è uno molto duro che ha come protagonista Lorenzo Crespi, il bell’attore siciliano protagonista di varie fiction di successo come, ad esempio, “Donne di Mafia” e “Carabinieri”.

Crespi che è lontano dalle scene da alcuni anni, si è totalmente scagliato contro gli autori e contro Alfonso Signorini dicendo che trova ingiusto giocare con le fragilità di una donna che non sta bene e che la psicologa del Grande Fratello dovrebbe saperlo bene e dare uno stop a tutto questo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lorenzo Crespi (@lorenzo.crespi1971)

L’attore ha inoltre continuato a commentare su Instagram che se fosse stata sua madre avrebbe agito e non avrebbe permesso che gli autori arrivassero fino a questo punto. Che sia un chiaro messaggio per Guenda e Gianamedeo?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lorenzo Crespi (@lorenzo.crespi1971)

 

La situazione, per fortuna, si è poi riassestata e Maria Teresa tra lacrime ed abbracci ha ritrovato il sereno.

 

 

 

Clicca qui per seguire OA PLUS su INSTAGRAM

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla PAGINA OA PLUS

Clicca qui per iscriverti al GRUPPO OA PLUS

 

 

Crediti Foto: screenshot video e foto lorenzo.crespi1971/instagram

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui